Sei in: Home » Attrazioni » Parchi Divertimento » Bunratty Castle e Folk Park
Attrazioni

Bunratty Castle e Folk Park

Bunratty Castle e Folk Park

Per fare un tuffo nel passato e riscoprire le atmosfere dell’Irlanda del XVI secolo, il “Bunratty Castle & Folk Park” è il luogo ideale. Questo si trova nella parte centro occidentale dell’Irlanda, a pochi passi dall’aeroporto di Shannon.

Il Castello di Bunratty è una delle più antiche e meglio conservate fortezze dell’Irlanda. È stato costruito nel 1425 su di un accampamento vikingo del 970 ed è stato abitato dagli O'Briens, conti di Thomond, nel XVI secolo. Il castello è stato ristrutturato all’inizio della seconda metà del secolo scorso, facendo risaltare il suo splendore medievale sia all’esterno che all’interno, dove le tante sale conservano arredi, arazzi e opere d'arte che riportano i visitatori all’atmosfera del 1500. E' stato aperto al pubblico nel 1960.

Si accede al castello da una scala in legno e la porta d’ingresso è caratterizzata da una fessura chiamata “Murder Hole” da cui gli irlandesi gettavano olio e pece bollente sui nemici. Le alte e possenti mura del castello presentano quattro torri angolari dove ci sono anche delle scale a chiocciola strettissime che venivano usate dai soldati per sorvegliare l’area circostante.

Il castello si compone di tre diversi piani e ad ogni paino si trova un elegante salone e delle stanze che avevano diverse destinazioni d’uso. Oggi i saloni meglio conservati ci sono il “Salone della Guardia”, che era la sala dei soldati e dei servitori ed oggi è usata come sala per allestire i banchetti medioevali in costume a cui è possibile prendere parte su prenotazione.

Poco lontana dal “Salone della Guardia” si trova il “Grande Salone” (Great Hall), un tempo usata per i banchetti importanti e per le udienze del Conte di Thomond. La sua peculiarità sono le pareti ricoperte da arazzi francesi, belgi e fiamminghi, la Sedia usata per le udienze dal Conte e un bell'armadio in quercia risalente al 1570.
Adiacente alla sala e delle udienze c’è la camera privata del conte, impreziosita da damaschi e con il letto con la testata in legno finemente intarsiata e di misura più corta rispetto ai letti moderni, dove si dormiva accovacciati o seduti appoggiando le spalle su grandi cuscini - la tradizione popolare riteneva che la posizione coricata potesse portare al soffocamento e, inoltre, la posizione distesa ricordava troppo la posizione del morto.

Il “North Solar” era l'appartamento privato del Conte e della sua famiglia e , anche qui, lo sfarzo si faceva notare: pareti rivestita con pannelli di quercia intagliati, il tavolo in legno massello che si dice provenga da un vascello spagnolo, il lampadario d'origine tedesca con figure femminili barocche miste a corna d'alce e code di pesce.
Immancabili le cappelle come simbolo della religiosità della famiglia: c’è una cappella privata e una pubblica dove avevano accesso anche i soldati e i servitori.

Al primo paino del castello si trova la grande cucina, dove sono conservati grandi gusci di tartaruga che venivano usati come piatti di portata e tutte le altre stanze del castello sono molto interessanti.
Intorno al bellissimo Castello di Bunratty è stato ricostruito un villaggio irlandese del 1700 – il “Folk park”: fattorie, casette dai tetti in paglia, negozi e giardini, il mulino ad acqua, la stalla per le mucche e il porcile per i maiali, il granaio pieno di grano, fieno e paglia, la scuola con i banchi e la lavagna, la casa-ambulatorio del medico del villaggio, l'ufficio postale, il pub, la drogheria, il negozio dei pegni, il forno…insomma si torna indietro nel tempo e si può vedere come vivevano all’epoca gli irlandesi. Il paese è ricostruito nei minimi dettagli e gli attori in costume lavorano veramente e sembra di fare un passo indietro nel tempo!

All’interno del parco sono stati poi allestiti dei pub dove poter mangiare delle ottime pietanze e bere una pinta di birra.
La visita al “Bunratty Castle & Folk Park” è davvero interessante e divertente ed è un parco tematico particolare, dove divertirsi fa rima con imparare!